Nigeria Protest Group chiede donazioni Bitcoin dopo che i regolatori hanno bloccato il conto bancario

Un gruppo di protesta nigeriano chiamato Feminist Coalition (Coalizione femminista) sta chiedendo ai sostenitori di fare donazioni tramite bitcoin dopo che le autorità avrebbero bloccato il conto bancario dell’organizzazione. La Coalizione femminista è uno dei tanti gruppi che guidano le proteste contro la presunta brutalità della polizia da parte di un’unità di polizia nigeriana, la Special Anti-Robbery Squad (SARS).

Prima del blocco del conto bancario

Prima del blocco del conto bancario, la Coalizione femminista afferma di aver utilizzato le donazioni raccolte attraverso il conto per finanziare 90 proteste in tutto il paese. Chiudendo il conto bancario, le autorità stanno cercando di soffocare un movimento il cui successo ha portato i riflettori sui crimini commessi dalle forze di sicurezza.

L’annuncio di domenica 11 ottobre 2020, da parte del direttore generale della polizia nigeriana, che la SARS sarebbe stata sciolta, non è apparentemente riuscito a placare i manifestanti. Un sostenitore della protesta, che non ha voluto essere identificato, ha detto a news.Bitcoin.com che la situazione sul campo rimane tesa. Ha detto che le segnalazioni di brutalità e di uccisioni da parte della stessa unità continuano.

Nel frattempo, in un post su Twitter, la Coalizione Femminista ha esortato i nigeriani a donare tramite Bitcoin System, dato che due dei suoi canali di donazione sono ora bloccati. Il post diceva:

Per aver chiesto di porre fine alla brutalità della polizia siamo ora sotto attacco! Il nostro conto bancario è stato disattivato, così come il link per la donazione di Flutterwave. Anche la vita dei nostri membri è minacciata.

Flutterwave, un gateway di pagamento della Nigeria, che ha dato il via all’iniziativa di raccogliere fondi per pagare le spese mediche dei feriti delle proteste, sembra aver ceduto alle pressioni del governo. La decisione non confermata di Flutterwave di chiudere il legame di donazione della Coalizione Femminista è corroborata da notizie secondo cui i dirigenti della società sono stati recentemente convocati dalla Banca Centrale della Nigeria (CBN).

Chiedendo donazioni bitcoin

Chiedendo donazioni bitcoin, la Coalizione Femminista è fiduciosa che i fondi per il finanziamento delle proteste continueranno a scorrere, dato che i nigeriani hanno già familiarità con le crittocittà. La Nigeria è già il più grande mercato di criptovalute dell’Africa e molti nel paese usano beni digitali come bitcoin e Dash per effettuare i pagamenti.

Le proteste, che sono affrontate dai giovani nigeriani esperti di tecnologia, cercano di porre fine alla brutalità e alla corruzione all’interno delle forze di polizia del paese. In una dichiarazione, i giovani dicono di „volere anche una valutazione psicologica e una riqualificazione (da parte di un organismo indipendente) di tutti gli agenti della SARS sciolti prima di essere riassegnati“.

Nel frattempo, Jack Dorsey ha twittato a sostegno della Coalizione Femminista il 14 ottobre. Nel suo tweet, Dorsey esorta i suoi seguaci a „donare via bitcoin per aiutare #EndSARS“.